Basilico

Il basilico (Ocinum basilicum), erba odorosa regina della cucina mediterranea odierna, era già molto diffuso nell'Italia del Cinquecento.

Il suo nome deriverebbe dal greco “Basilikos”, che significa “degna di un re, regale”,

perché considerata per il profumo tra le più importanti dell’antichità.

Il basilico, originaria dell'Oriente, ha viaggiato verso ovest con i mercanti arabi di spezie.

E’ una pianta che si distingue per le curiose credenze che ruotano intorno ad essa: sia i Greci che i Romani erano convintissimi che, per far crescere una sana piantina, occorresse seminarla, accompagnando l’operazione con insulti;

mentre nel Medioevo, per poterlo raccogliere, si doveva prima purificare la mano destra, lavandola in tre diverse fonti, adoperando poi un ramo di quercia e indossando candidi abiti di lino.

Le superstizioni non erano esclusive dell’antichità, dato che nel 1800 alcuni Inglesi residenti in India giravano abitudinariamente con una collana in legno di basilico per neutralizzare gli impulsi elettrici, tenendo lontano i fulmini, come sosteneva la religione Indù.

Nello stesso periodo, ma solo nelle eclissi, il basilico veniva anche mangiato e deposto nelle riserve d’acqua per prevenire contaminazioni.

I Galli la consideravano una pianta sacra, tanto da permettere la raccolta delle sue foglie solo a coloro che avevano seguito un complesso rituale di purificazione;

gli Egiziani lo usavano per la preparazione di balsami;

Nella cultura romana, oltre ad essere usato in cucina, il basilico era molto apprezzato come erba curativa, capace di guarire le ferite.

Secondo Plinio il Vecchio, le sue foglie avevano un forte potere afrodisiaco, per questo divenne il simbolo degli innamorati;

Perché...

Basilico, nasce da un'idea di Pizzeria più confortevole e ricercata,senza caos.

Ti stupiremo per la qualità dei prodotti, l'atmosfera rilassante e la cordialità del servizio.

Prenotare da noi significa avere riservati i giusti spazi per degustare un'ottima Pizza in compagnia.

Ti aspettiamo